Cartellone Stagione Artistica 2021/2022

Info prezzi e biglietteria.

NOVEMBRE

Sabato 13 novembre ore 20:45
PROSA
Arsenico e vecchi merletti
di Joseph Kesserling
con Anna Maria Guarnieri e Rosalina Neri
regia Geppy Gleijeses liberamente ispirata alla regia di Mario Monicelli
produzione GITIESSE Artisti Riuniti

“È difficile catalogare, inserire in un genere Arsenico e vecchi merletti. Non è una farsa macabra, né una satira del giallo”. Geppy Gleijeses dirige due tra le più grandi attrici italiane, Anna Maria Guarnieri e Rosalina Neri, già muse di Zeffirelli e Strehler, in un grande classico da riscoprire. Una formidabile coppia ad interpretare le “adorabili ziette” Abby e Martha.

Martedì 23 novembre ore 20:45
MUSICA E BALLETTO
MM Contemporary Dance Company
Bolero/Gershwin Suite
coreografie di Michele Merola
musiche di Maurice Ravel, George Gershwin, Stefano Corrias

Spettacolo in due parti: nella prima il coreografo Michele Merola realizza la propria versione coreografica del Bolero (1928), ancora oggi tra i brani più noti e ascoltati della storia della musica. Si confronta con questa musica ossessiva e ripetitiva, cercando di comprenderne l’identità, la ragione e la funzione; nella seconda parte il coreografo, partendo dai migliori brani di George Gershwin, realizza Gershwin Suite. La musica degli Anni Ruggenti viene osservata nelle sue varie sfaccettature: non solo quindi i brani più euforici e brillanti, ma anche quelli più romantici e intimi, sensuali e seducenti.
Su queste musiche, con la licenza e l’inventiva che sono il segno vero di ogni artista, interviene Stefano Corrias, quale compositore raffinato ed esperto.

Domenica 28 novembre ore 16:00
YOUNG POMERIDIANE
Il Gruffalò
Spettacolo musicale per famiglie
adattamento drammaturgico Pino Costalunga
adattamento e regia Manuel Renga

Uno spettacolo fatto di canzoni, trovate divertenti e coinvolgimento del pubblico, che racconterà sotto forma di Musical una storia molto cara ai più piccoli: il GRUFFALÒ, di Julia Donaldson e Axel Scheffler, lasciando intatte le deliziose rime della scrittrice inglese e facendo indossare agli attori dei fantastici costumi che si rifanno alle meravigliose illustrazioni del disegnatore tedesco.

DICEMBRE

Venerdì 3 dicembre ore 20:45
MUSICA E BALLETTO
CANZONE PER TE
Omaggio a Sergio Endrigo
Con Simone Cristicchi
e FVG Orchestra diretta dal M° Valter Sivilotti

Simone Cristicchi salirà sul palco del Verdi di Gorizia, accompagnato dalla FVG Orchestra diretta da Valter Sivilotti, per un intenso omaggio a Sergio Endrigo a 15 anni dalla sua scomparsa e un’occasione per riascoltare i suoi grandi successi.
Due serate esclusive che il cantautore romano dedica a quello che considera il suo maestro, nell’arte e nella vita.

Giovedì 9 dicembre ore 20:45
PROSA
Liolà
di Luigi Pirandello
con Giulio Corso
con la partecipazione di Enrico Guarneri
e con Caterina Milicchio, Alessandra Ferrara, Nadia Perciabosco, Margherita Patti
e Alessandra Falci, Sara Baccarini, Federica Breci
e con Anna Malvica nel ruolo di Zia Croce
adattamento e regia Francesco Bellomo

Liolà, un don Giovanni senza morale, che con il suo comportamento scombussola l’apparentemente morigerata società in cui si muove. “Una commedia che si riattacca ai drammi satireschi della Grecia antica, Mattia Pascal, il melanconico essere moderno, vi diventa Liolà, l’uomo della vita pagana, pieno di robustezza morale”. [Francesco Bellomo]

Martedì 14 dicembre ore 20:45
MUSICA E BALLETTO
Compagnie Hervé KOUBI
Les nuits barbares ou les premiers matins du monde
coreografia Hervé Koubi
con Lazhar Berrouag, Adil Bousbara, Mohammed Elhilali, Abdelghani Ferradji, Zakaria Ghezal, Bendehiba Maamar, Giovanni Martinat, Riad Mendjel, Najib Meherhera, Mourad Messaoud, Houssni Mijem, Ismail Oubbajaddi, Issa Sanou, El houssaini Zahid
musiche di Mozart – Faure – Wagner – Traditionnal Algerian Music
direttore musicale Maxime Bodson

Un’opera dedicata al tema dell’origine della cultura mediterranea. Il coreografo franco-algerino Hervé Koubi unisce la potenza ipnotica della parata da guerra alla precisione di un balletto classico, portando agli occhi del pubblico ciò che di più affascinante c’è nell’incontro fra culture e religioni.

Domenica 19 dicembre ore 16:00
YOUNG POMERIDIANE
Fantateatro
Gli elfi di Babbo Natale
Tecnica: musicale
Interpreti: 11 attori
Durata: 1 ora circa
Età consigliata: dai 3 anni in su

Un tuffo nell’atmosfera magica del Natale, un viaggio nella poesia, nella dolcezza, ma anche tanta musica e divertimento, acrobazie e danze mozzafiato, vengono ambientate all’interno della colorata scenografia che rappresenta la casa di Babbo Natale.
Siamo ormai alla Vigilia di Natale, le renne e il carro con i regali sono quasi pronti, manca solo Babbo Natale… tutti gli elfi lo stanno aspettando ma lui non arriva…cosa sarà mai successo? Babbo Natale è scomparso e nessuno sa dove sia. Saranno l’amore e la bontà a mettere tutto a posto e a regalare allo spettacolo il lieto fine. Uno show ricco di emozione e stupore, grazie agli incredibili effetti speciali, capaci di dare l’illusione della vera magia, e alle energiche coreografie che vedono scatenarsi nella danza tutti gli elfi di Babbo Natale.

GENNAIO

Domenica 2 gennaio ore 16:00
YOUNG POMERIDIANE
Ouverture des saponettes
di e con Michele Cafaggi
regia Davide Fossati

Un eccentrico direttore d’orchestra vi porterà nel mondo fragile e rotondo delle bolle di sapone, per un “concerto” dove l’imprevisto è sempre in agguato!
Da strani strumenti nascono bolle giganti, bolle rimbalzine, bolle da passeggio, grappoli di bolle…

Sabato 8 gennaio ore 20:45
MUSICA E BALLETTO
MORGAN FEAT. THE WHITE DUKES
A David Bowie tribute

L’esibizione di Morgan ed i The White Dukes vuole essere una condivisione tra coloro che riconoscono in lui una forma d’arte contaminata che si può definire “teatro del rock” con pezzi che forse quasi nessuno conosce che dimostrano l’elevata capacità di rendere la diversità in arte unica e affascinante. Non è solo musica è un racconto di vita che ognuno di noi forse un pezzettino ha dentro di sé.

Mercoledì 12 e giovedì 13 gennaio ore 20:45
PROSA
Il malato immaginario
di Molière
con Emilio Solfrizzi
adattamento e regia Guglielmo Ferro

Il malato immaginario ha più paura di vivere che di morire e il suo rifugiarsi nella malattia non è nient’altro che una fuga dai problemi, dalle prove che un’esistenza ti mette davanti.
Emilio Solfrizzi restituisce al testo un aspetto importantissimo e certe volte dimenticato: il rifiuto della propria esistenza.

Domenica 16 gennaio ore 16:00
YOUNG POMERIDIANE
Rodaridiamo. Quando la grammatica è un gioco
di Enrico Cavallero e Chiara Cardinali
regia Enrico Cavallero, Chiara Cardinali
con Letizia Buchini, Enrico Cavallero, Daniele Tenze
musiche originali Rosario Guerrini, testi Chiara Cardinali
costumi Elisa Bolognini, Lara Baccaglini
pupazzi Chiara Cardinali, scene Enrico Cavallero
luci e fonica Matteo Clemente
produzione a.ArtistiAssociati
età consigliata: 4/10 anni

Siete pronti ad intraprendere un caleidoscopico viaggio guidati dai personaggi più stravaganti, nati dalla penna di Gianni Rodari e a vivere un’avvincente storia di fate, di guerra e di telefonate mancate? “Ci saranno dei risvolti inaspettati, in questa storia!”
Stragenerale Bombone Sparone Pesta Fracassone vuole fare la guerra ma i suoi soldati Giovannino Perdigiorno e Martino Testadura hanno poca dimestichezza con le parole… e gli ordini e i comandi del loro superiore li interpretano a modo loro! A nulla varrà l’intervento di Magogirò con i suoi strabilianti ordigni e del dott. Terribilis con le sue fantomatiche invenzioni! Fata Tin prega affinché la guerra non si faccia… le sue preghiere saranno esaudite?

Domenica 23 gennaio ore 20:45
EVENTI
Ghost
libretto e testi Bruce Joel Rubin
musica e testi Dave Steward e Glen Ballard
regia e scenografia Federico Bellone

Un racconto senza tempo, un’appassionante storia d’amore che ha commosso più di una generazione, capace di rendere percettibili i sentimenti e i comportamenti umani: amore, inganno, ironia, amicizia e avidità sono le fondamenta di quello che può essere definito il musical sensoriale e fantasy per eccellenza.
“Con questo romantico thriller vorremmo che lo spettatore possa stringere la mano della persona che è venuta con lui o lei a teatro, o correre da colui o colei a cui tiene nel profondo, per non perdere l’occasione di dire ancora una volta, o per la prima volta, ti amo, e per davvero… perché i treni della vita spesso passano una sola volta, e altrettanto spesso non si può tornare indietro.” (Federico Bellone)

Martedì 25 gennaio ore 20:45
OFF BOX
PERLASCA – Il coraggio di dire no
scritto e interpretato da Alessandro Albertin
regia Michela Ottolini

Un racconto affascinante, travolgente e commovente della storia di Giorgio Perlasca, un giusto tra le nazioni, un uomo semplice e normale che, nella Budapest del 1944, si mise al servizio dell’Ambasciata di Spagna. Affrontando la morte ogni giorno, si trovò faccia a faccia con Adolf Eichmann, si finse console spagnolo, solo e unicamente per salvare la vita a molte persone.

Sabato 29 e domenica 30 gennaio ore 20:45
PROSA
Scusa sono in riunione… ti posso richiamare?
una commedia scritta e diretta da Gabriele Pignotta
con Vanessa Incontrada, Gabriele Pignotta, Fabio Avaro, Nick Nicolosi, Siddhartha Prestinari
scene Matteo Soltanto
costumi Valter Azzini
luci Pietro Sperduti
musiche Stefano Switala
produzione a.ArtistiAssociati

Pignotta dipinge il ritratto della sua generazione, quella dei quarantenni di oggi, abbastanza cresciuta da poter vivere inseguendo il successo e la carriera ma non abbastanza adulta da poter smettere di ridere ed ironizzare su sé stessa.
Cosa succederebbe se queste stesse persone, per uno scherzo di uno di loro, si ritrovassero protagonisti di un reality show televisivo? Scusa sono in riunione… ti posso richiamare? è un’attuale e acutissima commedia degli equivoci che, con ironia, ci invita a riflettere sull’ossessione della visibilità e sulla brama di successo che caratterizzano i nostri tempi.

FEBBRAIO

Giovedì 3 febbraio ore 20:45
OFF BOX
Miracoli metropolitani
drammaturgia Gabriele Di Luca
regia Gabriele Di Luca, Massimiliano Setti, Alessandro Tedeschi
con Elsa Bossi, Ambra Chiarello, Federico Gatti, Pier Luigi Pasino, Beatrice Schiros, Massimiliano Setti, Federico Vanni

In una vecchia carrozzeria riadattata a cucina, specializzata in cibo a domicilio per intolleranti alimentari, si muovono otto personaggi, in un’oasi di diversità apparente.
Miracoli metropolitani è il racconto di una solitudine sociale e personale dove ogni uomo, ma in fondo un’intera umanità, affronta quotidianamente quell’incolmabile vuoto che sta per travolgere la sua esistenza. Uno spettacolo dove si ride tanto, ma dove non si sta ridendo affatto.

Venerdì 11 e sabato 12 febbraio ore 20:45
PROSA
La mia vita raccontata male
da Francesco Piccolo
con Claudio Bisio
regia Giorgio Gallione

Un po’ romanzo di formazione, un po’ biografia divertita e pensosa, un po’ catalogo degli inciampi e dell’allegria del vivere, questo spettacolo ci segnala che se è vero che ci mettiamo una vita intera a diventare noi stessi, quando guardiamo all’indietro la strada è ben segnalata da una scia di scelte, intuizioni, attimi, folgorazioni e sbagli, spesso tragicomici o paradossali. In un continuo perfido e divertentissimo ping-pong tra vita pubblica e privata, reale e romanzata, si racconta “male”, in musica e parole, tutto ciò che per scelta o per caso concorre a fare di noi quello che siamo.

Sabato 19 febbraio ore 20:45
MUSICA E BALLETTO
In-CANTO di un MITO
Omaggio a Ennio Morricone
soprano Silvia Dolfi
con Orchestra dal vivo
regia Fabrizio Angelini

In un susseguirsi di “quadri cinematografici” sempre più coinvolgenti, un tributo alle immortali Colonne Sonore del Maestro Ennio Morricone che, traendo spunto dalle versioni cantate del suo repertorio più conosciuto, spazierà dalle sonorità pop agli slanci lirici e leggendari dei Cult Western.

Mercoledì 23 e giovedì 24 febbraio ore 20:45
PROSA
Stanno sparando sulla nostra canzone
commedia con musiche di Giovanna Gra
con Veronica Pivetti
regia Giovanna Gra e Walter Mramor
con Cristian Ruiz, Brian Boccuni
colonna sonora a cura di Alessandro Nidi
luci Eva Bruno
produzione a.ArtistiAssociati
in collaborazione con Pigra srl

Siamo in America nei mitici anni Venti, anni d’oro e ruggenti. I baci e gli abbracci non sono più un pericolo, l’epidemia di spagnola è un lontano ricordo. In ogni pentola, o quasi, frigge un pollo. Gli scampati corteggiano le sopravvissute. Siamo in pieno proibizionismo, la malavita prospera e con essa un folto sottobosco di spregiudicati. Questa l’atmosfera dello show supportato da una trascinante colonna sonora che va da David Bowie a Gianna Nannini, da Tina Turner a Tiziano Ferro, da Gloria Gaynor a Renato Zero, passando per Cher, Achille Lauro, l’intramontabile Raffaella Carrà e il sempre attuale Elton John. Protagonista di questa Black Story, una sensuale e spiritosa Veronica Pivetti, in arte Jenny Talento, fioraia di facciata ma, in realtà, venditrice d’oppio by night, che finisce col cedere alle avances di un fallito e truffaldino giocatore di poker, Nino Miseria. Rapita dalla passione, Jenny si lascerà trascinare in un mondo perduto fatto di malavita, sesso, amore e gelosia. Fino a quando il gangster più temuto della
città, Micky Malandrino, un visionario dal mitra facile, spacciatore di sentimenti e tentazioni, non pretenderà da lei la restituzione di un vecchio debito contratto dal suo amante. Dopo qualche resistenza, la donna cede, ma poi ci ripensa trascinandoci all’epilogo in una resa dei conti salata e non più rinviabile, con un finale in crescendo decisamente esplosivo.

MARZO

Giovedì 3 marzo ore 20:45
OFF BOX
Uno spettacolo divertentissimo che non finisce assolutamente con un suicidio
di Nicola Borghesi e Lodo Guenzi
consulenza drammaturgica Daniele Parisi e Gioia Salvatori
con Lodo Guenzi
regia di Nicola Borghesi
produzione Argot Produzioni e Pierfrancesco Pisani e Isabella Borettini per Infinito Produzioni

Uno spettacolo che nasce da un’amicizia lunga venticinque anni su trentacinque, quella tra Lodo Guenzi e il regista Nicola Borghesi.
Il percorso di una persona attraverso la fama, parola quanto mai controversa, può diventare una parabola nella quale più persone possono riconoscersi: la vita delle persone, generalmente, consiste nel sopravvivere lasciandosi dietro macerie. Tutto questo è terribile, ma fa anche ridere. La parte che fa ridere è quella non ancora del tutto compromessa con un sistema tarato per appiattire tutto, per rendere tutto omogeneo e inoffensivo. Mentre il successo, che da fuori sembra spensierato e piacevole, da dentro è terribile come tutto il resto, anche se in modo diverso. E poi, infine, c’è il teatro. Quello spazio e quel tempo in cui tutto quello che generalmente nel mondo dello spettacolo deve essere compresso e semplificato, può trovare spazio. Quel luogo in cui non si va solo avanti, ma si sta anche volentieri fermi o addirittura, si torna indietro a cercare qualcosa di prezioso che abbiamo smarrito. Quella cosa per cui, alla fine, di vivere, ne vale la pena.

Sabato 12 marzo ore 20:45
MUSICA E BALLETTO
Tango Rouge Company
Noches de Buenos Aires
Compagnia Tango Rouge Company
Coreografie Neri Piliu e Yanina Quinones
Cast 8 ballerini
Orchestra dal vivo Tango Spleen

…un tango che prima di immergersi nei lustrini del palcoscenico ha attraversato la polvere delle strade. Un tango che irrompe nei giochi dei bambini, prima di stravolgere le dinamiche di seduzione degli adulti. Un tango che, pur popolando l’Olimpo delle arti, non abbandona mai l’universo del divertimento. Un tango che esprime passione, drammaticità e benessere.
A fare da sfondo alle esibizioni degli otto ballerini una teatralità delicata, naturale e finalizzata alla costruzione di una narrazione appena accennata: un racconto di crescita del tango, nel tango e per il tango.

Giovedì 17 e venerdì 18 marzo ore 20:45
PROSA
Samusà
con Virginia Raffaele
scritto da Virginia Raffaele, Giovanni Todescan, Francesco Freyrie, Daniele Prato,
con Federico Tiezzi
regia Federico Tiezzi
produzione ITC2000

Virginia Raffaele torna al suo primo amore, il teatro, e lo fa con uno spettacolo completamente nuovo dal titolo Samusà. Il racconto di Samusà si nutre dei ricordi di Virginia e di quel mondo fantastico in cui è ambientata la sua infanzia reale: il luna park. Da lì si sviluppa in quel modo tutto della Raffaele di divertire ed emozionare, stupire e performare, commuovere e far ridere a crepapelle.

Mercoledì 23 marzo ore 20:45
EVENTI
Flashdance
Tratto da una memorabile pellicola cinematografica, portata a teatro con tutte le sue celebri hit.

APRILE

Venerdì 1° aprile ore 20:45
MUSICA E BALLETTO
Ivan Bessonov in concerto
Ivan Bessonov, pianoforte
Musiche di Chopin, Bach, Schumann

Ivan Bessonov, nato nel 2002 a San Pietroburgo, inizia a studiare il pianoforte all’età di sei anni, e attualmente studia alla Central Music School presso il Conservatorio Tchaikovsky di Mosca.
Oltre ad essere uno straordinario pianista è anche compositore: nel 2015 debutta come compositore di colonne sonore per il film documentario Varicella di Victor Kossakovsky, la cui prima ha avuto luogo al festival internazionale del film “Message to Man” a San Pietroburgo.

Mercoledì 6 aprile ore 20:45
OFF BOX
DragPennyOpera
con Alessio Calciolari, Gianluca Di Lauro, Stefano Orlandi, Lorenzo Piccolo, Ulisse Romanò
coreografie Alessio Calciolari
drammaturgia Lorenzo Piccolo
regia Sax Nicosia
costumi Gianluca Falaschi
scene Nathalie Deana
musiche originali Diego Mingolla
artwork Donato Milkyeyes Sansone
parrucche Mario Audello
disegno luci Luna Mariotti
assistenza ai costumi Rosa Mariotti
assistenza alla regia Mila Casali
produzione Aparte Società Cooperativa

È l’alba. Nel cortile di un carcere, sotto il patibolo, un plotone di vedove attende l’esecuzione del bandito Macheath. Sono le donne della sua vita: Polly, Peachum, Jenny, Lucy, Tigra.
Saranno loro a dare vita a questa storia: una storia di amore, morte, sesso e soldi, sullo sfondo di una città corrotta. Sono donne che tradiscono, che lottano, donne che si usano a vicenda. Cuori neri dalla nascita o anneriti dalla vita, che pulsano vitali in uno scenario desolato. Macheath è l’unico uomo, il bandito, l’eterno assente, e suscita in questi cuori neri sentimenti assoluti. Amato, odiato, agognato, e infine spolpato fino all’osso. Dragpennyopera è un’opera buffa e, insieme, un’opera seria. Un cabaret feroce dai tratti mostruosi e scintillanti. Un ritratto a colori della nostra umanità così nera.

Martedì 12 e mercoledì 13 aprile ore 20:45
EVENTI
LILLO E GREG
Gagmen Upgrade
Con Lillo e Greg
Un nuovo sfavillante “varietà” firmato Lillo e Greg che ripropone ulteriori cavalli di battaglia e novità assolute della famosa coppia comica.

Martedì 26 e mercoledì 27 aprile ore 20:45
PROSA
Se devi dire una bugia dilla grossa
di Ray Cooney
versione italiana di Iaia Fiastri
con Antonio Catania e Gianluca Ramazzotti
e Paola Quattrini
e con Nini Salerno, Marco Cavallaro, Alessandro D’Ambrosi
con la partecipazione di Paola Barale

Una girandola di equivoci, battibecchi e colpi di scena sempre più fitti, in un andirivieni di spassosi personaggi e un frastuono di porte che sbattono all’impazzata, come un folle gioco al nascondino, all’insegna del puro divertimento.