SE LA MUSICA FOSSE IL CIBO DELL’AMORE – Viaggio sentimentale nella musica delle corti seicentesche dall’Inghilterra all’Italia attraversando la Spagna.

Crediti

Romina Basso – mezzosoprano
Alberto Mesirca – chitarra classica e barocca
Walter Mramor – voce recitante
musiche di: Henry Purcell, Gerolamo Frescolbaldi, Claudio Monteverdi, Gaspar Sanz, Josè Marin, Juan Hidalgo

Scheda Spettacolo

Un percorso musicale molto accattivante tra le corti europee del XVII secolo, che si realizza attraverso l’esecuzione di songs (inglesi), canzonette (italiane) e tonos (spagnoli) vocali e brani strumentali creati da alcuni tra i più rappresentativi compositori dell’epoca.
È la Musica come nutrimento dei sentimenti umani il leit motiv che unisce tutti i brani e si sviluppa nell’intero programma: amore, passione, odio, tormento, gelosia, melanconia ed orgoglio, sono solo alcuni dei tratti narrati con puntuale adesione agli stilemi musicali dell’epoca.
Voce e chitarra dialogano tra loro con la maestria di due interpreti di fama internazionale ed accompagnano gli ascoltatori in un viaggio sonoro di immediata comprensione, anche attraverso letture “di cuore” e storiche, scelte per l’occasione ed impreziosite dalla raffinata interpretazione di Walter Mramor.