IL MAGO DI OZ

Crediti

Produzione: Fondazione Aida (Verona)
Regia: Pino Costalunga
di e con: Claudia Bellemo, Sara Favero, Nicola Peri
Durata: 60 minuti circa
Tecnica utilizzata: teatro d’attore e di figura

Fascia d’età: Famiglie e bambini dai 4 anni.

Scheda Spettacolo

Il mago di Oz’ è una delle favole più belle che conserva intatto il suo fascino nel tempo. Dorothy, una bambina che vive nel Kansas assieme ai propri zii, viene scaraventata da un ciclone improvviso in un paese popolato da strani personaggi. Atterra nel villaggio dei Succhialimoni, degli ometti bizzarri che la ringraziano perchè ha ucciso la Strega cattiva dell’Est, schiacciata dalla caduta della casa. Il suo unico pensiero è quello di fare ritorno a casa, ma pare che il solo che possa aiutarla è il Mago di Oz. Lungo il cammino che la condurrà dal Mago, Dorothy incontra lo Spaventapasseri, il Boscaiolo di Latta e il Leone Vigliacco. I nuovi amici di Dorothy pensano di avere un vuoto da colmare, per questo hanno bisogno dell’intervento del Mago di Oz. Lo Spaventapasseri crede di aver bisogno di un cervello, il Boscaiolo di Latta di un cuore e il Leone di coraggio, mentre Dorothy non vuole fare altro che ritornare nel suo paese. Durante il viaggio, ognuno di loro, affrontando le proprie paure per superare gli ostacoli che incontrerà lungo il percorso, mostrerà di possedere già ciò che pensava gli mancasse. Il fulcro attorno al quale ruota tutto lo spettacolo è l’aspetto “fantastico”, quello legato all’esperienza attraverso cui tutti siamo passati: il pericoloso e tortuoso cammino che è il crescere, il diventare grandi, l’esperienza meravigliosa che necessita di cervello, cuore e coraggio!