HO PERSO IL FILO

Crediti

Soggetto di: Angela Finocchiaro, Walter Fontana, Cristina Pezzoli
Testo di: Walter Fontana
In scena: Angela Finocchiaro
e le Creature del Labirinto: Alis Bianca, Giacomo Buffoni, Alessandro La Rosa, Antonio Pollo, Filippo Pieroni, Alessio Spirito
Coreografie originali di: Hervé Koubi (assistito da FayÇal Hamlat)
Scene di: Giacomo Andrico
Luci di: Valerio Alfieri
Costumi di: Manuela Stucchi
Regia di: Cristina Pezzoli
Aiuto regista: Luca Orsini
Musiche di scena: Vladimiro Croce
Video design: Nina Donatini, Etienne Nzi
Montaggio video e post-produzione: Iacopo Tiscar
Puppet e attrezzeria: Saverio Galano, Cristiana Maranca
Maschere e oggetti di scena: Alessandro Baronio
Voce dei Quizzoni: Diego Paul Galtieri
Musiche del Corridoio del tempo e Caverna del Minotauro: di Mauro Pagani
Direttore allestimento: Daniele Donatini
Direttore di scena e Macchinista: Mattia Galeazzi
Elettricista: Franco Brasini
Fonico: Fabrizio Minotti
Sarta: Elisabetta Menziani

Scheda Spettacolo

Una commedia, una danza, un gioco, una festa, questo è HO PERSO IL FILO.
In scena un’Angela Finocchiaro inedita, che si mette alla prova in modo sorprendente con linguaggi espressivi mai affrontati prima, per raccontarci con la sua stralunata comicità e ironia un’avventura straordinaria, emozionante e divertente al tempo stesso: quella di un’eroina pasticciona e anticonvenzionale che parte per un viaggio, si perde, tentenna ma poi combatte fino all’ultimo il suo spaventoso Minotauro.
Angela si presenta in scena come un’attrice stufa dei soliti ruoli: oggi sarà Teseo, il mitico eroe che si infila nei meandri del Labirinto per combattere il terribile Minotauro. Affida agli spettatori un gomitolo enorme da cui dipende la sua vita e parte.
Una volta entrata nel Labirinto, però, niente va come previsto. Viene assalita da strane Creature, un misto tra acrobati, danzatori e spiriti dispettosi, che la circondano, la disarmano, la frullano come fosse un frappè, e soprattutto tagliano il filo che le assicurava la via del ritorno.
Disorientata, isolata, impaurita, Angela scopre di essere finita in un luogo magico ed eccentrico, un Labirinto, che si esprime con scritte e disegni: ora che ha perso il filo, il Labirinto le lancia un gioco, allegro e crudele per farglielo ritrovare.
Passo dopo passo, una tappa dopo l’altra, superando trabocchetti e prove di coraggio, con il pericolo incombente di un Minotauro affamato di carne umana, Angela viene costretta a svelare ansie, paure, ipocrisie che sono sue come del mondo di oggi e a riscoprire il senso di parole come coraggio e altruismo. Alla sua maniera naturalmente, come quando – di fronte ai ragazzi ateniesi che la implorano di salvarli dal Mostro che li sta già sgranocchiando – promette firme e impegno sui social; o come quando è sottoposta a una sfida paradossale dal vero Teseo, sceso di corsa dalle vette del mito, indignato perché la sua interprete difetta delle necessarie qualità eroiche.

Lo spettacolo vive del rapporto tra le parole comiche di un personaggio contemporaneo e la fisicità acrobatica, primitiva, arcaica delle Creature del Labirinto che agiscono, danzano, lottano con Angela provocandola come una gang di ragazzi di strada imprevedibili, spietati e seducenti.
Il Labirinto è un simbolo antico di nascita – morte – rinascita. Anche Angela, dopo aver toccato il fondo, riuscirà a ritrovare il filo e con esso la forza per affrontare il Minotauro in un finale inatteso che si trasforma in una festa collettiva coinvolgente e liberatoria.

Si ride, ci si emoziona, si gode uno spettacolo che si avvale di più linguaggi espressivi grazie agli straordinari danzatori guidati dall’inventiva di Hervé Koubi, uno dei più talentuosi e affermati coreografi sulla scena internazionale e naturalmente alla capacità comica di Angela Finocchiaro di raccontare un personaggio che è molto personale e allo stesso tempo vicino al cuore di molti.


Hanno scritto:

“È uno spettacolo trascinante e di forte spessore artistico Ho perso il filo.
Oltre alla bravura di Angela Finocchiaro, lo spettacolo si basa sul contributo di un validissimo gruppo di ballerini-atleti che compongono le “Creature del Labirinto”. Alla fine per tutti l’ovazione del pubblico. “
Ansa.it

“Angela Finocchiaro si conferma ancora una volta una monologhista brillante e capace, ma soprattutto qui si svela in una veste profonda, a dimostrazione che il riso è sempre stratificato comunque su qualcosa di riflessivo.”
Erika Di Bennardo, Teatro.it

“Difficile credere che Angela Finocchiaro possa dire Ho perso il filo. Il filo del buonumore, naturalmente. Troppo diretto, stralunato e inconfondibile il suo stile, troppo immediatamente riconoscibile il suo talento. E allora anche uno spettacolo originale proprio come il suo nuovo Ho perso il filo, nato dalla contaminazione di linguaggi inusuali alla comicità, si tramuta per l’attrice milanese in un legame a filo doppio con la platea. Fatto di una salda complicità costruita nel tempo e di un forte desiderio di sorridere smontando ansie, paure e ipocrisie del mondo di oggi. “
Giulia Grondona, Teatrodigitale.com